Carciofo Violetto di Romagna

Carciofo Violetto di Romagna

CC03
Disponibile
15,00 €
Tasse incluse

Il Carciofo romagnolo o violetto di Romagna, è una varietà pregiata e saporita, con capolini globosi, di colore violetto, senza spine, le dimensioni sono medio/grosse. Hanno una  buona resistenza al freddo. Perfetti per la semina professionale in serra o in orto domestico. La quale può essere effettuata tra febbraio e maggio, abbondante raccolta che continua tra gennaio e aprile e tra settembre e dicembre. Utilizzati lessati, fritti, crudi in pinzimonio. 

Confezione

 

Il Carciofo romagnolo o violetto di Romagna, è una varietà pregiata e saporita, con capolini globosi, di colore violetto, senza spine, le dimensioni sono medio/grosse. Hanno una  buona resistenza al freddo. Perfetti per la semina professionale in serra o in orto domestico. La quale può essere effettuata tra febbraio e maggio, abbondante raccolta che continua tra gennaio e aprile e tra settembre e dicembre. Utilizzati lessati, fritti, crudi in pinzimonio. 

Il carciofo (nome scientifico: Cynara cardunculus subsp. scolymus) è una pianta angiosperma dicotiledone della famiglia Asteraceae coltivata in Italia e in altri Paesi per uso alimentare e, secondariamente, medicinale.

Il carciofo è una pianta erbacea perenne alta fino a 1,5 metri, provvista di un rizoma sotterraneo dalle cui gemme si sviluppano più fusti, che all'epoca della fioritura si sviluppano in altezza con una ramificazione dicotomica. Il fusto, come in tutte le piante "a rosetta", è molto raccorciato (2–4 cm), mentre lo stelo fiorale è robusto, cilindrico e carnoso, striato longitudinalmente.

Le foglie presentano uno spiccato polimorfismo anche nell'ambito della stessa pianta (eterofillia). Sono grandi (fino a circa 1,5 m in alcune cultivar da seme), oblungo-lanceolate, con lamina intera nelle piante giovani e in quelle prossime ai capolini, pennatosetta e più o meno incisa in quelle basali. La forma della lamina fogliare è influenzata anche dalla posizione della gemma da cui si sviluppa la pianta. La superficie della lamina è verde lucida o verde-grigiastra sulla pagina superiore, mentre nella pagina inferiore è verde-cinerea per la presenza di una fitta tomentosità. Le estremità delle lacinie fogliari possono essere spinose in alcune varietà (Spinoso di Palermo, Spinoso Sardo, Spinoso di Albenga, Spinoso di Pompeiana).

I fiori sono riuniti in un capolino (detto anche calatide) di forma sferoidale, conica o cilindrica e di 5–15 cm di diametro, con un ricettacolo carnoso e concavo nella parte superiore. Sul ricettacolo sono inseriti i fiori (flosculi), tutti con corolla tubulosa e azzurro-violacea e calice trasformato in un pappo setoloso, utile alla dispersione degli acheni tramite il vento (disseminazione anemocora). Nel capolino immaturo l'infiorescenza vera e propria è protetta da una serie di brattee involucrali strettamente embricate, con apice inerme, mucronato o spinoso, a seconda della varietà. Fiori e setole sono ridotti ad una corta peluria che si sviluppa con il procedere della fioritura. In piena fioritura le brattee divergono e lasciano emergere i fiori. La parte edule del carciofo è rappresentata dalla base delle brattee e dal ricettacolo, quest'ultimo comunemente chiamato cuore. In Sardegna è molto richiesta anche la parte terminale dello scapo fiorale dalla terzultima o penultima foglia.
Il frutto è un achenio (spesso chiamato erroneamente "seme") allungato e di sezione quadrangolare, provvisto di pappo. Il colore varia dal marrone più o meno scuro al grigio con marmorizzazioni brune.

9999 Articoli
No reviews
Product added to wishlist
Product added to compare.