Garganega

Garganega

Disponibile
45,00 €
Tasse incluse

Garganega è un vitigno a bacca bianca. Probabilmente originario della Grecia, trova l’epicentro di produzione nelle province di Verona e Vicenza, la varietà che domina le colline della DOC Soave e Gambellara nel Veneto. In Sicilia è diffuso il Grecanico, vitigno pressoché identico alla Garganega. Recenti studi sul DNA del Garganega, hanno verificato le forti analogie, e per un clone anche l'assoluta identicità, con il profilo genetico della varietà Grecanico Dorato e con la Malvasia de Manresa, un vitigno spagnolo quasi estinto.

 

Caratteri ampelografici: la varietà non è molto omogenea, le caratteristiche differenziali riguardano non solo il grappolo ma anche l’aspetto generale della pianta. Si prenderà pertanto in esame la Garganega più diffusa nelle classiche aree di coltura (Soave, Gambellara). Germoglio ad apice mediamente espanso, verde-biancastro, cotonoso. Foglia media, pentagonale, quinquelobata, con denti molto evidenti, lembo verde opaco un po’ bolloso, glabro. Seno peziolare a V o a U più o meno aperto. Pagina inferiore aracnoidea. Grappolo lungo, cilindrico, con ali molto pronunciate, relativamente spargolo, con rachide che a volte spacca in punta. Acino medio sferoide, di colore giallo dorato a stacco relativamente facile, ombelico persistente; buccia spessa; polpa succosa, di sapore semplice.

Attitudini colturali: vitigno vigoroso con portamento della vegetazione semieretto. Tralcio lungo di media robustezza, un po’ fragile, con internodo medio, di scarsa lignificazione nei climi più freddi. Preferisce terreni tendenzialmente fertili e sciolti e possibilmente buone esposizioni nelle zone classiche di coltura per ottenere un prodotto di qualità.

Allevamento e potatura: esige forme di allevamento abbastanza espanse e potature lunghe nei climi settentrionali, si adatta a potature medie nel sud. Classicamente allevato a pergola o tendone, poco si adatta al nord ad ampie meccanizzazioni. Nei climi più caldi del sud, ove la maturazione dei tralci è buona, si possono adottare forme a controspalliera facilmente meccanizzabili.

Epoca di germogliamento: medio-tardiva.

Epoca di maturazione: medio-tardiva.

Produzione: abbondante e costante; non si deve eccessivamente abbondare nella carica di gemme per pianta per ottenere una buona lignificazione dei tralci ed una regolare maturazione dell’uva.

Sensibilità alle malattie e alle avversità: sensibile alla flavescenza dorata, al disseccamento del rachide e alla clorosi ferrica. Fenomeni di incompatibilità sono stati osservati utilizzando come portinnesto il Kober 5BB.

Potenziale enologico: dà un vino di colore giallo paglierino con riflessi dorati, snello di corpo, fresco, giustamente tannico ed acido, profumato. Con un'adeguata conservazione in fruttaio si ottiene un ottimo vinsanto.

Cloni in moltiplicazione: Garganega R4, VCR7, VCR13, VCR39, VCR105, ISVCV11, ISVCV18, ISVCV24, ISVCV69, ISVCV84.

9999 Articoli
No reviews
Product added to wishlist
Product added to compare.