Ciliegiolo

Ciliegiolo

Disponibile
45,00 €
Tasse incluse

Il Ciliegiolo è un vitigno a bacca nera. Il suo nome è dovuto al colore della bacca e ad uno degli aromi primari del vino rosso che se ne ricava, che richiama la ciliegia. Originario della zona centrale della Toscana, ad oggi vi sono circa 5000 ettari di vigne coltivate anche in altre regioni d'Italia (Marche, Umbria, Liguria, Abruzzo, Lazio, Puglia). Viene vinificato in purezza solamente nelle seguenti DOC: Maremma Toscana Ciliegiolo, Golfo del Tigullio Ciliegiolo, Val di Cornia Ciliegiolo, Rosso Orvietano Ciliegiolo, Controguerra Ciliegiolo.

 

Caratteri ampelografici: il vitigno è coltivato un po’ ovunque, per cui è difficile valutare eventuali varianti genetiche. Germoglio ad apice mediamente espanso, vellutato, bianco con riflessi dorati, con foglioline apicali bianche, vellutate, con orli dorati o carminati. Foglia grande, pentagonale, trilobata, con seno peziolare a U aperto, con pagina inferiore leggermente tomentosa, lembo spesso, ondulato, liscio, verde scuro. Grappolo grosso e lungo, cilindrico, alato, semicompatto. Acino grosso, subrotondo, di colore nero-violaceo; buccia spessa e pruinosa; polpa succosa, di sapore neutro, dolce.

Attitudini colturali: vitigno molto vigoroso con portamento della vegetazione eretto, tralci robusti e lunghi, ramificati ed elastici; si adatta ai diversi ambienti preferendo terreni non troppo fertili ed umidi e climi temperato-caldi ed asciutti per un generale equilibrio vegetativo della pianta.

Allevamento e potatura: preferisce forme di allevamento espanse e potature lunghe; può essere difficile l’adattamento a forme per ampie meccanizzazioni nei climi temperato-freddi soprattutto per la scarsa lignificazione dei tralci. Per questo motivo nei climi più settentrionali della coltura sono indispensabili adeguate potature verdi.

Epoca di germogliamento: media.

Epoca di maturazione: precoce.

Produzione: molto abbondante e costante.

Sensibilità alle malattie e alle avversità: normale, nei climi più umidi è un po’ sensibile alla botrite. Buona la resistenza alla siccità.

Potenziale enologico: dà un vino di colore rosso rubino più o meno carico, abbastanza robusto, non troppo alcolico, poco acido, fruttato, da consumarsi preferibilmente giovane.

Cloni in moltiplicazione: Ciliegiolo VCR1.

9999 Articoli
No reviews
Product added to wishlist
Product added to compare.